Come pulire la punta del pirografo? Guida

Il pirografo è uno strumento indispensabile per chi vuole incidere su legno, sughero, cuoio o altre superfici dure utilizzando il calore.

Infatti questo utensile funziona scaldando elettricamente la punta che, appoggiata sul piano da incidere, scalfisce la superficie per lasciare impressi i segni. In questo modo è così possibile decorare tantissime superfici anche dai non professionisti, utilizzando un attrezzo compatto e di semplice gestione.

Pulire la punta del pirografo:

Come tutti gli attrezzi da lavoro, anche se possiedi il miglior pirografo ha bisogno di una manutenzione attenta per fare in modo che possa durare a lungo nel tempo. Infatti le punte intercambiabili a contatto con le varie superfici possono sporcarsi e compromettere i risultati delle incisioni.

Per questo motivo è sempre consigliato eseguire un’accurata pulizia dopo l’uso. Per far questo bisogna ricordarsi che per evitare scottature o incidenti è importante che il pirografo sia scollegato dalla corrente e completamente raffreddato prima di procedere alla rimozione di eventuali residui.

Per pulire i pennini a coltello basterà utilizzare un taglierino o un coltellino per togliere le rimanenze sulla loro superficie, per tutti gli altri una carta vetrata a lama fine. Infatti la grana della carta vetrata è in grado di pulire a fondo le punte del pirografo senza compromettere la loro funzione. É molto importante che i pennini per pirografare siano sempre perfetti e in ordine per assicurare un risultato perfetto delle incisioni.

Anche durante l’utilizzo del pirografo è possibile pulire le punte per fare in modo che i disegni risultino precisi e ben delineati. Per fare ciò è utile tenere sempre a portata di mano un foglio di carta vetrata a grana fine o una spugna abrasiva. In questo modo sarà quindi possibile rimuovere la polvere o la cenere presente sulla punta durante la pirografia.

E se la punta è arrugginita?

Pulire punta pirografo arrugginita

I pennini del pirografo sono in ferro per riuscire a incidere su superfici dure come il legno e perché attraverso la corrente il calore viene espanso sulla punta per poter pirografare. Potrebbe succedere, soprattutto se i pennini sono venuti a contatto con liquidi e non sono stati asciugati per bene, che su di essi si formi della ruggine.

La ruggine è molto pericolosa per il ferro e può compromettere in modo irreversibile la tenuta delle punte, ed è un problema che, se non risolto in breve tempo, porta a dover ricomprare dei nuovi pennini per il pirografo. La ruggine può essere rimossa in modi differenti a seconda della superficie da trattare.

Per piccoli oggetti è possibile utilizzare sostanze chimiche in grado di dissolvere le particelle di ossido presenti sulla superficie del metallo. Utilizzando questi composti chimici è quindi possibile rimuovere la ruggine e lucidare le punte di ferro per assicurare un risultato sempre perfetto. In alternativa si possono utilizzare preparati di uso domestico che funzionano come i reagenti chimici. Quindi sono utili alla rimozione delle ossidazioni anche soluzioni a base di acqua, sale e aceto.

Quest’ultimo può essere sostituito dal limone e il risultato sarà sempre soddisfacente. Un altro metodo molto utilizzato e conosciuto è quello di immergere le piccole parti di ferro in un bicchiere di Coca-Cola. Questa bevanda, infatti, ha una base molto acida che è in grado di rimuovere la ruggine dalle punte dei pirografi.

Se invece le superfici da pulire sono estese è bene prima di utilizzare agenti chimici rimuovere la ruggine attraverso metodi meccanici. Infatti togliere l’ossidazione dal ferro è molto utile per poter poi procedere con le pulizia profonda attraverso le sostanze chimiche. Dopo l’utilizzo di agenti chimici per rimuovere la ruggine dal ferro è utile passare regolarmente sulla superficie prodotti antiruggine per prevenirne la comparsa.

La ruggine è un problema molto diffuso e saper trattare bene le punte del pirografo possono assicurare una durata molto lunga dei pennini garantendo la perfetta riuscita dei vostri lavori.

Pulire la punta del pirografo annerita?

Il ferro è il miglior materiale per distribuire il calore uniformemente sulle punte e assicurare quindi lavori di qualità e precisione. Ma l’umidità dell’aria può provocare l’insorgere di quel processo di ossidamento che determina la comparsa di aloni neri sulle punte del pirografo.

A questo proposito è sempre bene non utilizzare acqua o vapore per la pulizia dei pennini del pirografo in modo da evitare annerimenti sulla superficie. Se ciò dovesse accadere è comunque possibile utilizzare una carta vetrata a grana fine per levigare delicatamente la punta e riportarla al suo naturale splendore. Utilizzare una carta vetrata troppo grossa potrebbe essere controproducente perchè righerebbe il ferro delle punte rovinandole in modo permanente.

La carta vetrata a grana fine è, invece, indicata per la sua delicatezza nello scorrere sulle superfici come il ferro. In questo modo sarà possibile rimuovere macchie e aloni senza rovinare le punte del pirografo e mantenerle sempre efficienti. Infatti un pennino a cui viene fatta una regolare pulizia e manutenzione può dare risultati più precisi e qualitativamente migliori rispetto ad uno che non viene mai pulito.

Comments (No)

Leave a Reply