Biotrituratore a scoppio migliore – Classifica top5 dei più venduti

Quando si fanno i lavori in giardino, uno degli strumenti che non devono mai mancare è il Biotrituratore a scoppio.

Questo strumento viene utilizzato principalmente per trasformare i residui della potatura, come ad esempio foglie, erba, rami, in fertilizzante. Come per tantissimi altri prodotti per la potatura, esistono tantissimi tipi di biotrituratori a scoppio, sia per quanto riguarda l’alimentazione, sia per quanto riguarda i materiali.

Quando ci si accinge ad acquistare un biotrituratore a scoppio, i fattori che bisogna prendere in considerazione sono legati soprattutto all’uso che bisogna farci.

Se ad esempio bisogna utilizzarlo per giardini molto grandi e c’è molto materiale di scarto, la soluzione migliore è un biotrituratore potente a benzina; mentre se si ha a che fare con giardini più piccoli e i residui sono pochi, allora bisogna scegliere tra i biotrituratori elettrici che hanno una potenza molto inferiore rispetto a quelli professionali.

Dunque possiamo dire che il biotrituratore a scoppio può essere considerato una delle scelte più efficienti sia per quanto riguarda il risparmio ecologico e sia per quanto riguarda il riciclaggio.

Tutto ciò grazie all’elevata potenza assicurata dai motori ad alta tecnologia che consentono di agire anche su una grande quantità di materiale.

Rispetto agli altri tipi di biotrituratori elettrici, quelli a scoppio sono considerati i migliori proprio per la loro elevata potenza ma anche per il fatto che si riesce ad evitare di ammucchiare chili e chili di rifiuti organici e utilizzarli per poter concimare il vostro terreno.

Le caratteristiche fondamentali dei migliori biotrituratori a scoppio:

OffertaBestseller No. 1
TACKLIFE Biotrituratore Elettrico, Cippatrice, 2800W, Max 45mm capacità di Taglio, 55L Scatola da...
  • [ALTE PRESTAZIONI] Potente lama a rullo, diversamente dagli altri biotrituratori è dotato di 8 lame in acciaio ad alta durezza, il massimo diametro di taglio è di 45mm, coppia elevata, per un...
Bestseller No. 2
AL-KO - Biotrituratore elettrico a lame - 2800watt con cesto di Raccolta. Cesto 48l polipropilene.
  • Biotrituratore con potenti elementi di taglio, tramoggia di alimentazione particolarmente grande con alimentazione a lame
Bestseller No. 3
MOTORE A SCOPPIO 6,5cv 196cc Motozappa kart Pompa Quad Biotrituratore Generatore
  • MOTORE LG-MOTORS 196 CC 6,5 CV COMPATIBILE CON I SEGUENTI ATTREZZI: TOSAERBA - FRESA DA NEVE - MOTOZAPPA - BIOTRITURATORE - POMPE TIRAGGIO ACQUA - IDROPULITRICI - GENERATORI DI CORRENTE - KART - QUAD...
OffertaBestseller No. 4
Bosch Home and Garden AXT 25 TC Biotrituratore, 2500 W, Nero/Verde
  • Biotrituratore silenzioso AXT 25 TC biotrituratore universale per materiali duri e teneri
OffertaBestseller No. 5
Einhell 3430330 Biotrituratore elettrico a lame, Rosso, Nero
  • I due robusti e resistenti coltelli reversibili, in acciaio speciale, azionati dal potente motore da 2.500.Watt, rendono la lavorazione con il biotrituratore elettrico a lame GC-KS 2540 di Einhell...
OffertaBestseller No. 6
Makita UD2500 - Biotrituratore
  • Facile da usare con controllo e sistema di bloccaggio automatico

Tra le principali caratteristiche che bisogna prendere in considerazione per l’acquisto di un biotrituratore a scoppio abbiamo:

  • Differenti caratteristiche di taglio:

In base a questa caratteristica, la più importante, potete capire se il prodotto è ideale per il vostro giardino e per il tipo di piante. Quindi è necessario valutare sia il sistema sia la velocità del taglio. Quando parliamo di sistema, dobbiamo fare riferimento a tre topologie di sistema di taglio: il sistema a turbina, sistema a rullo e sistema a lame.

Il sistema a turbina è considerato il sistema più efficace, grazie al fatto che le turbine presenti consentono di tagliare tutte le tipologie di piante, a partire dai tronchi fino ad arrivare ai cespugli. Tutto ciò significa che è possibile triturare una quantità maggiore di materiale.

Inoltre la turbina ha la caratteristica principale di di creare una corrente aspirante in modo tale da aspirarne le foglie e i rami secchi. Il sistema a rullo, si presenta come un sistema molto più economico rispetto al sistema a turbina.

Questo tipo di sistema tende a produrre residui molto grandi rispetto al sistema a turbina e non è molto efficiente per quanto riguarda le foglie e l’erba poiché non vengono triturate nel modo giusto. Inoltre ha anche lo svantaggio che si inceppa facilmente.

É considerato comunque un sistema abbastanza efficace per gli arbusti e cespugli. L’ultimo sistema è il sistema a lame ed è considerato il meno versatile poiché è adatto solamente a rami e frasche.

Tali sistemi sono dotati di lame molto sottili e taglienti e per questo motivo richiedono una manutenzione costante. Inoltre il sistema a lame è quello più economico rispetto a quelli appena citati ed ha anche lo svantaggio di essere molto rumoroso.

  • Il motore a scoppio:

Quando parliamo del motore del biotrituratore a scoppio ci riferiamo soprattutto alla qualità e alle prestazioni. Le caratteristiche da prendere in considerazione nel caso del motore sono l’alimentazione, la potenza e il rumore.

Per quanto riguarda l’alimentazione esistono i biotrituratori che si possono collegare alla corrente e quelli che funzionano a benzina.

Quando parliamo di modelli a scoppio, facciamo riferimento e strumenti per uso professionale . Sono sconsigliati per il normale uso domestico.

Infine, per quanto concerne il rumore, solitamente i biotrituratori classici emettono rumori al di sopra dei 100 dB. Dato che l’orecchio non può essere esposto a rumori che superano i 90 dB, si consiglia di acquistare un biotrituratore silenzioso e non supera i 100 dB.

quando si acquista un biotrituratore a scoppio bisogna sempre prendere in considerazione le prestazioni grazie al quale possiamo capire l’uso che se ne deve fare. Ci sono due aspetti importanti legati alle prestazione ovvero: la capacità di taglio e la capacità di triturazione. Sono le dimensioni del tubo che vanno a individuare la capacità di taglio.

Più le dimensioni del tubo sono piccole, più si vanno a sminuzzare materiali di piccole dimensioni. Solitamente, in quasi tutti i biotrituratori a scoppio, la capacità di taglio è compresa tra i 38 e i 40 mm. Invece, la capacità di triturazione individua la quantità di materiale di scarto che bisogna triturare.

Se abbiamo un giardino molto grande e bisogna triturare una grande quantità di materiale è bene scegliere un biotrituratore con una capacità elevata e ciò superiore ai 200 kg/h, se invece abbiamo poco materiale da triturare è possibile scegliere anche un biotrituratore con una capacità al di sotto dei 100 kg/h.

  • La facilità di trasporto del biotrituratore a scoppio:

Anche il trasporto è un fattore importante essenziale, perché influisce sia sulla mobilità ma anche sulla semplicità per poterlo trasportare.

In commercio sono presenti biotrituratori a scoppio molto pesanti che superano i 30 kg che però sono molto difficili da trasportare soprattutto se avete un giardino grande ma ci sono anche biotrituratori molto leggeri con un peso al di sotto dei 20 kg. Dunque tutto ciò dipende sempre dal vostro utilizzo e dalle vostre esigenze.

I 3 migliori biotrituratori a scoppio:

Cippatore a scoppio migliore

  • Biotrituratore Garland – Miglior scelta

Questo strumento si presenta come uno dei biotrituratori più efficaci in assoluto. Ha una cilindrata di 196 e un motore a 4 tempi e da 7,1 cavalli; il sistema di triturazione è a rulli ed è regolabile ed ha uno scarico girevole.

É uno strumento che offre una maggiore versatilità anche per la presenza delle ruote pneumatiche e della maniglia che ne garantisce un facile spostamento. Inoltre è ideali per triturare foglie, frasche, rami e qualsiasi altro rifiuto poco sostanzioso. il diametro è di 7 cm e la velocità di è di ben 3600 giri al minuto.

É un prodotto molto facile da utilizzare soprattutto per la sua leggerezza e praticità. PRO: avanzato meccanismo di triturazione e uno schiacciamento del rullo ad alta velocità; CONTRO: non sono stati riscontrati dei fattori negativi.

  • Cippatrice a benzina Vida XL – Ottima qualità

Questa cippatrice si presenta come uno strumento molto potente, affidabile e di qualità, soprattutto per quel riguarda il lavoro che bisogna fare. É dotato di un tipo di motore OHV a 4 tempi e una cilindrata di 196 cc.

Inoltre è in grado di dì sminuzzare rami che hanno un diametro di 102 mm mentre la presenza del motore da 15 HP consente di triturare foglie e frasche fino a d ottenere un compost molto ricco di nutrienti per utilizzarlo poi come concime per le piante. Ultima caratteristica è la presenza delle ruote grazie al quale si può trasportare facilmente.

  • Biotrituratore a scoppio T-Mech

Questo tipo di biotrituratore è ideale sia per uso professionale che per uso hobbistico.

Ha un motore a 4 tempi e una cilindrata di 196 cc e si differenzia rispetto agli altri modelli proprio per la velocità dei tagli che riesce a triturare. Infatti la velocità si aggira intorno ai 2400-3600 giri al minuto.

É alimentato a benzina e ha una capacità del serbatoio di 6,5 litri. Per poterlo utilizzare è necessario anche l’olio che deve essere di 10w-30w e non sintetico. É considerato il secondo dei migliori biotrituratori presenti in commercio.

Comments (No)

Leave a Reply