Come si usa il tornio per legno? Tutorial per la sicurezza e il miglior risultato

Il tornio per legno è un macchinario grazie al quale è possibile realizzare pratici utensili e oggetti di arredo. Utilizzarlo è senza dubbio un’arte, delle volte tramandata da padre in figlio anche perché si tratta di un macchinario senza tempo, soprattutto per quanto riguarda la lavorazione del legno. Infatti per molti rappresenta una passione.

Per soddisfare qualsiasi esigenza, in commercio è possibile acquistare dei modelli da tavolo molto comodi e facili da utilizzare, questi riportano in piccolo tutte le funzioni di un tornio industriale.

Come si usa? Guida:

Per utilizzare bene il miglior tornio per legno, la prima cosa che bisogna fare è valutare con estrema attenzione quali sono le nostre esigenze in base ai pezzi che vorremo modellare. Da tener presente che non tutti sono uguali e ognuno ha caratteristiche precise che ne determinano un corretto funzionamento, una su tutte è la lunghezza del carrello, vale a dire la distanza massima dei due blocchi che viene chiamata anche centro, una funzione fondamentale utile per tenere ben saldo il pezzo e farlo roteare su se stesso in modo da poterlo modellare.

Altra caratteristica altrettanto essenziale è rappresentata dall’apertura, la quale indica il diametro massimo del pezzo che possiamo lavorare. La velocità del vostro macchianrio (sempre regolabile) viene misurata in giri massimi al minuto (RPM). Lavorare un pezzo ad altissima velocità comporterà meno vibrazioni e sarà anche più facile da modellare.

Scegliere l’attrezzatura adatta:

Per un corretto utilizzo occorre scegliere dei ceselli adatti, per quanto riguarda questa attrezzatura non bisogna badare a spese ed acquistare solo prodotti di alta qualità. Avere dei ceselli scadenti è molto pericoloso in quanto vanno adagiati leggermente sul pezzo da lavorare mentre è in rotazione ed il cedimento di uno di questi strumenti in fase di lavorazione potrebbe provocare danni irreversibili.

In commercio tra le migliori marche troviamo set completi di ceselli ad ottimi prezzi. Il cesello è un attrezzo fondamentale per la lavorazione del legno, molto simile ad un cacciavite con manico ideato per fare una buona presa e dalle molteplici punte che vanno scelte in base al lavoro che si decide di svolgere.

Effettivamente ci sono diversi tipi di ceselli con forme che permettono di ottenere infiniti risultati. Con il passare del tempo i ceselli si usurano ed assumono forme ancora più particolari che sostanzialmente li rendono unici, pertanto non vanno mai buttati.

Conoscere bene il vostro macchinario!

Costruzione piede in legno per tavolo

Per esser certi che stiamo utilizzando il tornio in maniera corretta, è giusta cosa studiarlo nelle sue parti, per fare questo non occorre molto tempo perché comunque si tratta di poche componenti ognuna con funzioni ben specifiche. Partendo dalla testa possiamo dire che questa è composta da un sistema di trazione che include il motore, le cinghie, il mandrino e le pulegge, da qui parte tutto il moto.

La testa è la parte dotata di un movimento di rotazione che avviene elettricamente. Questa è posta frontalmente alla controtesta, la quale ovviamente dispone di un movimento autonomo che verrà attuato una volta posizionato l’oggetto che andremo a lavorare. Il pezzo viene stretto tra le due teste grazie a una manopola o un altro dispositivo che nella maggior parte dei casi si trova nei pressi della controtesta.

In fine e non per ordine d’importanza, abbiamo il porta utensili che contrariamente a ciò che si può immaginare, non è assolutamente un cassettino dove riporre l’attrezzatura ma funge da alloggio per il cesello. Il porta utensili è un alleato fondamentale per la lavorazione, serve da sostegno al cesello che andrà ad accarezzare il pezzo in fase di rotazione. Immaginare di lavorare al tornio senza questo accessorio è praticamente impossibile, in quanto lavorando a mano libera non si riuscirebbe a mantenere il cesello ben saldo per più di due secondi.

La prevenzione in campo lavorativo è fondamentale. É consigliabile utilizzare una visiera para schegge, in commercio è possibile trovarne alcune comodissime che coprono praticamente tutto il viso. La scelta del legno da lavorare deve essere meticolosa e ben mirata, si consiglia l’abete o il pino in quanto sono delle tipologie più lavorabili chiamate in gergo “legno
dolce”. Assicurarsi che non ci siano spaccature o grandi nodi in quanto questi possono diventare dei veri e propri proiettili.

A questo punto bisogna tagliare il pezzo in base alla misura che ci occorre, da ricordare che questi più grandi risultano essere fragili durante la lavorazione. Il taglio deve essere preciso, non solo per permettere una buona lavorazione ma anche per un ottimo utilizzo a lavoro terminato pertanto è consigliabile usare un attrezzo adatto come ad esempio un seghetto alternativo. Adesso che si dispone delle misure che ci occorrono, è necessario rimuovere dal pezzo il materiale in eccesso favorendo così l’utilizzo del tornio in un secondo momento.

Per essere chiari supponiamo di avere un legno di forma quadrata e di volerlo rendere cilindrico, quindi, andremo a smussare per bene gli angoli cercando di ottenere un ottagono molto più facile da lavorare.

Finalmente possiamo posizionare il nostro pezzo sul tornio in modo molto semplice e veloce, segnando il centro delle due facce e bloccandolo tra le due teste. La prima cosa da fare è di controllare di aver stretto bene il pezzo avviando il tornio e farlo roteare gradualmente con una velocità minima, questo ci farà capire sia che il pezzo non oscilli pericolosamente sia che non tocchi il porta utensili.

Adesso bisogna avvicinare la lama al pezzo mentre è in rotazione usufruendo del porta attrezzi. Cosa da non fare mai è quella di puntare la lama con decisione verso il legno, invece bisogna avvicinarsi delicatamente fin quando la punta accarezza il pezzo. Il resto praticamente verrà da solo, con il tempo si acquisisce una certa complicità con il proprio tornio che ci permetterà di ottenere risultati incredibilmente soddisfacenti.

Comments (No)

Leave a Reply